Elementi di rinforzo

Sistemi di rinforzo orizzontale delle murature armate anche antisismiche e accessori per la connessione al supporto

Rinforzo della muratura antisimico e antifessurativo

Rinforzo antisismico
Le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC Cap 4.5.7 – “muratura armata” ) raccomandano l’uso di un rinforzo orizzontale per i muri di tamponamento. Queste norme sono state create dopo lunghe ricerche condotte tra gli altri dall’EUCENTRE, la principale e più autorevole struttura europea per la ricerca sismica, che ha sede a Pavia, Italia.
Brick Gold e Murfor® Compact hanno la marcatura CE per questa applicazione.

Aumentare la distanza fra i giunti di dilatazione
Le variazioni di temperatura e il fenomeno del ritiro creano delle zone di sollecitazione nelle pareti in muratura. Considerato che normalmente le pareti vengono incastrate, qualsiasi sollecitazione si verifichi porterà alla comparsa di fessurazioni. Per evitarle, si utilizzano giunti di dilatazione verticali. L’Eurocodice 6 consiglia distanze massime fra i supporti per pareti in muratura non armata.
Come indicato dalla norma, le distanze fra i supporti possono essere notevolmente aumentate utilizzando Brick Gold o Murfor® Compact. Consentendo, quindi, di evitare le fastidiose linee verticali, questa soluzione apre nuove possibilità alla realizzazione di facciate estetiche.

Un risultato estetico duraturo
La presenza di ampie crepe nelle pareti in muratura rovina l’aspetto della costruzione compromettendo la stessa solidità.
Distribuendo le sollecitazioni, l’armatura orizzontale controlla la formazione di fessurazioni e limita al minimo la loro ampiezza, consentendo di avere una costruzione più solida e una muratura esteticamente bella.

Architravi in muratura nei muri faccia a vista
Gli architravi in muratura rinforzati assorbono il momento flettente sopra le aperture di porte e finestre. E il risultato è una muratura faccia a vista esteticamente bella, senza la fastidiosa presenza di travi in acciaio o calcestruzzo.

Rinforzare per sostenere la deformazione
L’armatura orizzontale rafforza la muratura che resiste dunque a carichi di vento superiori. Consente di costruire muri più lunghi e più alti della media, grazie alla sua capacità di assorbire forze di flessione orizzontali. Su pavimenti flettenti, crea muri autoportanti, a prova di fessurazione.

Il Rinforzo Tradizionale

Gli interventi di rinforzo tradizionali sono sempre stati eseguiti sostituendo o reintegrando i materiali degradati impiegati nelle strutture (blocchi, malte, calcestruzzo, armature) con la finalità di ricostituire la sezione e la continuità originaria, eventualmente aumentando le sezioni per garantire portata e sicurezza maggiori.
Nel caso di interventi volti a migliorare le prestazioni strutturali o a contrastare l’azione di forze dannose allo schema strutturale, già nell’antichità venivano inseriti nelle murature elementi in legno e in ferro come catene, tiranti, chiavi e cerchiature. In epoca più recente, abbiamo assistito ad applicazioni di confinamento anche su pilastri in calcestruzzo armato, oltre che alla posa di pesanti lastre in acciaio all’intradosso di travi e solette incollate con resine epossidiche (tecnica del beton plaqué).
Queste tipologie di intervento, difficili da eseguire e fortemente invasive per la statica e l’estetica delle costruzioni, manifestano anche una scarsa durabilità al mantenimento dell’efficacia del rinforzo nel tempo.

Scelta del rinforzo in funzione della larghezza dei blocchi

Disposizione di Murfor Compact in funzione delle larghezze dei blocchi

Disposizione di Brick Gold in funzione delle larghezze dei blocchi

Muratura senza rinforzo – Muratura con rinforzo

Collegare la muratura utilizzando gli ancoraggi

Esigenza degli ancoraggi
Per consuetudine, il muro portante tradizionale era solidale con gli altri elementi resistenti grazie all’attrito. Tale attrito veniva garantito dalla gravità. Nella maggior parte delle murature attuali, la funzione strutturale, in quanto a trasmissione di carichi verticali, è stata eliminata. Nel momento in cui una parete non fa parte della struttura principale di una costruzione, è necessario vincolarla a quest’ultima per assorbire gli sforzi a trazione e a taglio.

Le pareti di rivestimento trasferiscono la spinta del vento agli estradossi o ai pilastri della struttura principale. Allo stesso modo, i tramezzi trasferiscono il carico determinato dall’uso degli spazi da cui sono delimitati. Il modo più semplice di garantire la trasmissione delle spinte è il corretto ancoraggio mediante elementi meccanici.
Gli ancoraggi Brick Anc offrono un ampio ventaglio di soluzioni in base ai diversi modelli costruttivi. Un vincolo non coerente o l’assenza di fissazioni possono provocare danni strutturali e perfino il collasso degli elementi di muratura. Per risolvere qualsiasi tipo di vincolo presente tra costruzione e struttura è necessario eseguire un’analisi preventiva. Il reparto tecnico di Ruredil realizza studi personalizzati a sostegno della soluzione più idonea per i vostri progetti.

Tipi di vincolo
Sottoposti a condizioni variabili di umidità e temperatura, gli elementi di muratura subiscono modifiche dimensionali.
Allo scopo di ridurre al minimo i danni da contatto con il resto degli elementi, vengono predisposti giunti di dilatazione. Il ricorso ai giunti e il calcolo della loro distanza sono determinati dalle caratteristiche della muratura, sia a livello di componenti sia in relazione agli altri elementi.

Di solito, per le pareti divisorie, ovvero le murature vincolate all’interno di una struttura mediante un telaio che corre perimetralmente alle stesse, sono richiesti ancoraggi fissi. La parete non può subire movimenti rispetto al telaio e pertanto la propria struttura ne limita i movimenti sul piano.
Per le pareti passanti invece, ovvero quelle per le quali sono previsti movimenti differenziali tra la muratura e la struttura portante, è richiesto un tipo di ancoraggio con libertà di movimento. Di solito si cerca di impedire il movimento dei tramezzi al di fuori del loro piano, consentendo tuttavia alla parete di intonaco di muoversi all’interno del proprio piano.

Ancoraggi Brick Anc, la scelta migliore
Gli ancoraggi Brick Anc sono progettati in modo particolare per le opere in muratura. Vengono forniti diversi formati diversi a copertura della maggior parte dei casi esistenti senza dover ricorrere a soluzioni speciali.
Gli ancoraggi Brick Anc dispongono del marchio CE.

Durabilità
La resistenza degli ancoraggi all’ambiente cui dovranno essere esposti è un punto particolarmente delicato. A differenza dell’armatura, gli ancoraggi sono elementi di precisione e dunque un eventuale deterioramento può rivelarsi particolarmente pericoloso.
Poiché gli ancoraggi sono solitamente esposti più di altri elementi all’azione dell’umidità presente, è necessario che possiedano una resistenza eccellente all’ossidazione. Gli ancoraggi Brick Anc sono realizzati esclusivamente in acciaio inossidabile, che ne garantisce la resistenza anche in ambienti molto aggressivi.
Gli ancoraggi Brick Anc possiedono una resistenza R-3 che ne permette la collocazione in praticamente qualsiasi tipo di ambiente senza dover ricorrere a misure particolari di protezione.

AMBIENTI
MX1
: Ambiente secco, interni, murature esterne intonacate.
MX2: Acciaio inossidabile austenitico (lega al cromo- nickel).
MX3: Ambiente umido con gelate.
MX4: Ambiente marino, zone costiere.
MX5: Ambiente chimicamente aggressivo, solfati, nitrati.

MATERIALE N° Rif. Classe di esposizione
MX1 MX2 MX3 MX4 MX5
Acciaio inossidabile austenitico (lega al molibdeno cromo-nickel) R1 U U U U R
Acciaio inossidabile austenitico (lega al cromo- nickel) R3 U U U R R
Filo di acciaio zincato (265 g/m2) con bagno organico su tutte le superfici del componente rifinito R13 U R R X X
Filo di acciaio zincato (60 g/m2) bagno organico su tutte le superfici del componente rifinito R18 U U U R X
Filo di acciaio zincato (105 g/m2) R19 U R R X X
Filo di acciaio zincato (60 g/m2) R20 U X X X X
Lamina di acciaio con bagno preliminare di zinco (137 g/m2) R21 U X X X X

 

Tabella C.1 EC-6 U=Uso senza limitazioni – R=Uso limitato – X=Non consigliato

Scopri tutti i prodotti

Elementi di rinforzo